24 novembre 2016 – Milano: un anno di mediazione ambientale, risultati e prospettive

0
261

mca

In questi giorni si sta svolgendo a Marrakech la COP22, ventiduesima edizione della conferenza annuale sul cambiamento climatico. Un appuntamento che, nel corso degli anni, è diventato sempre più importante per i temi trattati e le decisioni prese. Quando si parla di ambiente, come sempre, emerge prepotentemente il conflitto tra le esigenze di sviluppo economico e quelle di tutela dell’ambiente. Un conflitto che, all’edizione dello scorso anno, l’ormai nota COP 21 di Parigi, era stato portato ad un accordo attraverso un’opera di mediazione che, per quanto sui generis, si è dimostrata tanto innovativa quanto efficace.
Si parlò molto, in quei giorni di mediazione e delle sue potenzialità.
Su scala italiana il tema della mediazione dei conflitti ambientali è al centro di un progetto guidato dalla Camera Arbitrale di Milano, partito nel dicembre 2015. Dopo un anno di incontri, confronti, ricerche e, soprattutto, di mediazioni “sul campo”, è giunto il momento di fare il punto della situazione.
Il 24 novembre 2016, a Milano, sarà quindi l’occasione per rendere pubblici i primi risultati dell’attività svolta e provare a progettare insieme il futuro della mediazione su questi temi così delicati.
Oltre alla restituzione dei primi risultati raggiunti è previsto un momento di “microfono aperto” dove i tanti che in questi mesi hanno partecipato alle diverse attività e ai numerosi incontri svolti, saranno invitati a dare una propria testimonianza. E l’invito riguarderà la stessa platea in una sorta di incontro “partecipato” con l’obbiettivo di far emergere nuove idee e stimoli per il futuro.
Concluderà la giornata una tavola rotonda con protagonisti d’eccezione: accanto a Veronica Dini, ideatrice e coordinatrice del progetto, ci saranno Gregorio Arena, Presidente Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà Gherardo Colombo, magistrato e scrittore, Claudia Mazzucato, docente Università Cattolica Milano e mediatore penale e Marianella Sclavi, sociologa, facilitatrice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here