…e voi come avreste replicato?

1032

Question markQualche giorno fa, in coda ad uno dei tanti seminari informativi che in questi giorni vengono organizzati un po’ ovunque per spiegare l’ABC della mediazione, un avvocato ha sollevato un’obiezione che cerco di riportare nel modo più fedele possibile:

<<La mediazione rappresenta un approccio senz’altro molto interessante ma non capisco perchè tutto questo debba riguardare noi avvocati. Quando il cliente viene da noi chiede un consiglio legale, un parere, un’opinione ben precisa su un aspetto tecnico giuridico. Se iniziamo a parlare di interessi, di bisogni, di emozioni, di sentimenti, questo gira i tacchi e se ne va da un altro collega. Perchè è senz’altro vero che le controversie sono composte di molti aspetti anche non giuridici. Ma se l’imprenditore vuole parlare di denaro, lo fa da solo, anche senza il nostro aiuto. E se il cliente vuole discutere di emozioni, beh, andrà dallo psicologo, ma non certo da noi. Insomma, mi sembra che agli avvocati si stia chiedendo di mettersi a fare anche il lavoro di altri e viceversa. E tutto questo mi sembra incomprensibile>>.

Voi come avreste replicato?

Giovanni Nicola Giudice

Responsabile del Servizio di Conciliazione della Camera Arbitrale di Milano